fbpx
 

Chirurgia Plastica Parodontale

Rigenerazione gengivale

Gengive ritirate? Denti più lunghi? Denti più sensibili? La gengiva è infiammata e dolente?
Tutte queste comuni circostanze sono spesso legate ad alterazioni e spostamenti dei tessuti gengivali.
Lo spostamento della gengiva è definito scientificamente “recessione gengivale”.

Cause

Una delle principali cause è legata al traumatismo meccanico.
Tra le altre dobbiamo considerare una tecnica di igiene orale domiciliare non corretta (un movimento sbagliato) , con uno strumento non adeguato (uno spazzolino non giusto alla situazione o che ha perso le sue caratteristiche) ed un’intensità non appropriata (una forza eccessiva mal direzionata ripetuta nel tempo).
Uno degli altri fattori determinanti lo spostamento gengivale può essere legato al concomitante spostamento dei tessuti parodontali profondi come avviene nella parodontite (la gengiva “segue” l’andamento dell’osso sottostante).

Fattori predisponenti

 Oltre alle cause è opportuno indagare se sono presenti fattori favorenti tra i quali:
  • biotipo gengivale (esprime lo spessore dei tessuti e rappresenta un fattore individuale. I soggetti con biotipo gengivale sottile sono più predisposti).
  • trazioni muscolari (la presenza di frenuli o trazioni muscolari che agiscono sulla gengiva favorendo lo spostamento)
  • forma e posizione dei denti (un dente che si trova in una posizione più esterna con il complesso radicolare avrà una maggior possibilità di sviluppare una recessione)
  • infiammazione gengivale non risolta (una gengiva infiammata è più predisposta ad un’instabilità per i cambiamenti strutturali sia macroscopici che microscopici)

CONTATTI E PRENOTAZIONI

CONTATTACI

Conseguenze

Le principali conseguenze dello spostamento gengivale sono:

  • aumento della lunghezza dei denti (i denti appaiono più lunghi)
  • asimmetria della gengiva (la gengiva di un dente in cui è presente una recessione appare asimmetrica rispetto ai denti vicini)
  • inestetismo (la problematica estetica può essere legata all’assimmetria, alla differente lunghezza del dente, al fatto che la radice esposta ha un colore differente dalla corona)
  • ipersensibilità (lo spostamento gengivale causa un’esposizione della radice con conseguente aumento della sensibilità)
  • esposizione della radice (il tessuto esterno alla radice, cemento e dentina, sono meno mineralizzati e più vulnerabili rispetto allo smalto della corona)
  • diminuita capacità di mantenere la salute gengivale (lo spostamento della gengiva, specie quando il margine è mobile determina più difficoltà da parte del paziente di mantenere un adeguato controllo di placca).
CONTATTACI

CONTATTI E PRENOTAZIONI

Rimedi

È opportuno in prima istanza analizzare le caratteristiche individuali del paziente e fare una diagnosi. Questa si realizza in  modo indolore e molto rapido, attraverso un esame ispettivo con l’ausilio di una sonda millimetrata (sonda parodontale).
In presenza di una recessione gengivale è opportuno considerare tutti i fattori individuali del paziente (fattori di rischio predisponenti).
Il primo punto è verificare le cause e modificare, quando necessario, le situazioni incongrue (molto importate è informare ed istruire nella gestione domiciliare  delle tecniche di igiene).
Una volta inquadrata la problematica è possibile, quando indicato, procedere con le tecniche correttive.
Esistono metodiche chirurgiche di plastica parodontale realizzate con tecniche “mini-invasive” con l’aiuto di sistemi microscopici e strumenti di microchirurgia per minimizzare l’entità dell’intervento e rendere più predicibile il risultato.

Principali tecniche correttive

In rare circostanze correggendo le tecniche d’igiene orale domiciliare il tessuto traumatizzato può guarire spontaneamente nelle fasi iniziali del processo di retrazione gengivale.
Nella maggior parte dei casi si deve procedere con tecniche di chirurgia plastica muco-gengivale.
Distinguiamo due principali tecniche chirurgiche quelle che prevedono il solo spostamento gengivale e quelle in cui allo spostamento è associato una modifica dello spessore.

Le prime prevedono lo spostamento della gengiva presente.
Un esempio è il lembo spostato coronalmente in cui la gengiva presente viene spostata per coprire la radice esposta. (Caso 2).
Questo tipo di intervento si può eseguire su un dente solo (lembo singolo caso 1)  oppure, quando siano presenti più recessioni vicine, su un’area più estesa (un quadrante; lembo multiplo caso 2).

Le seconde associano allo spostamento un innesto di tessuto connettivo (prelevato per lo più dal palato, per aumentare lo spessore gengivale). Queste metodiche vengono definite bilaminari (Caso 3).
Vi possono essere situazioni in cui prima si procede con l’ispessimento gengivale ed in un secondo momento allo spostamento (Caso 4).
In questi casi si parla di innesto gengivale spostato coronalmente.

CONTATTI E PRENOTAZIONI

[]
1 Step 1
PrivacyHo letto le informazioni sulla privacy

*Campi obbligatori

keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
WhatsApp chat