fbpx

ALITOSI: QUALI SONO LE CAUSE E I RIMEDI EFFICACI

ALITOSI CAUSE E RIMEDI

Alito Cattivo, le cause alla base dell’Alitosi

Il problema dell’alito cattivo (alitosi) è senza ombra di dubbio un  tema delicato che merita di essere trattato ed approfondito con cura. Sebbene, infatti, non sia in grado di compromettere in modo serio la nostra salute, può diventare uno spinoso problema nella nostra vita di relazione.

Quante volte trovandoci in compagnia abbiamo parlato di quel nostro amico carino e simpatico… che però è bene tenere ad almeno un metro di distanza a causa dello sgradevole odore che emana il suo alito.

E se dicessero la stessa cosa di noi?

Cosa provoca l’Alitosi: da abitudini errate a vere e proprie patologie

Il problema dell’alito cattivo e pesante può interessare ogni età: adulti, anziani, ma anche bambini e persone in giovane età.

Le cause che portano ad avere un alito pesante possono sostanzialmente essere divisi in due grandi categorie:

  • Cause dipendenti dalla bocca
  • Disturbi di natura patologica, come quelli respiratori o digestivi.

 

È bene sapere da subito che nel 90% dei casi le vere cause sono localizzate nella bocca, pertanto l’aiuto del dentista può essere determinante.

Cause dipendenti dalla bocca

Le motivazioni che dipendono dalla bocca possono essere riassunte e raggruppate nelle seguenti categorie:

Cattiva Igiene Orale: la scarsa igiene orale favorisce l’accumulo di batteri che vanno a colonizzare i denti e le gengive, così come la lingua. Durante il loro cicli di vita i batteri producono le sostanze che sono i responsabili dei cattivi odori.

• Bocca Secca e Carenza di Saliva: la saliva è fondamentale per tenere detersa e umettata la cavità orale. Tutte le condizioni che portano ad una riduzione della produzione di saliva possono, come conseguenza, causare un cattivo odore.

• La Presenza di Carie.

• Gengiviti e Parodontiti.

• L’Alitosi di Origine Alimentare: cibi quali l’aglio, la cipolla, molte spezie, sono responsabili dell’alito cattivo fino ad un massimo di 72 ore dopo l’assunzione.

• Alcolici: l’assunzione eccessiva di bevande alcoliche può indurre la comparsa di alito cattivo e pesante.

•Il Fumo: il paziente fumatore sa benissimo che il suo alito ha un odore particolare e persistente che di certo non risulta gradevole a chi ci sta di fronte.

CONTATTI E PRENOTAZIONI

CONTATTACI

Disturbi di natura patologica

Le cause che non dipendono dalla bocca sono solitamente malattie dell’apparato respiratorio o digerente.

• Infezioni delle vie respiratorie: tali patologie possono essere causa di alitosi. Pensiamo ad esempio alle tonsilliti che spesso colpiscono i nostri bambini. Anche malattie delle vie respiratorie più basse che colpiscono i bronchi e i polmoni possono essere responsabili dell’alito cattivo.

• Malattie gastriche e duodenali: le patologie dell’apparato digerente sono spesso responsabili della comparsa di alito cattivo. Trattasi però di malattie di cui il paziente è consapevole in quanto difficilmente possono passare inosservate.

Rimedi efficaci per combattere l’Alitosi

La buona notizia da sottolineare è che l’80-90% dei casi di alitosi possono essere facilmente risolti con l’aiuto del proprio dentista.

Non cerchiamo la soluzione del cattivo alito in caramelle, collutori o gomme da masticare miracolose, il problema si risolve affidandosi ad un specialista.

Vediamo nello specifico quale percorso può essere intrapreso per risolvere il problema:

• Corretta Igiene Orale: un primo modo per combattere l’alito cattivo provocato dalla placca batterica è adottare buone abitudini di igiene orale. Il consiglio è quello di cominciare da subito con una seduta di igiene professionale e da una igiene domiciliare accurata in ogni dettaglio.

• Gengivite e Parodontite: la quasi totalità delle cause si deve ricercare nei pazienti che hanno problemi alle gengive e che soffrono di Parodontite. Questo perché nelle tasche gengivali si possono nascondere dei batteri che sono i principali responsabili del cattivo odore.

La Parodontite può essere diagnosticata con un test rapido e indolore che si chiama PSR; nel caso in cui il test ci dia il sospetto di malattia, il paziente deve essere indirizzato alle preziose cure del Parodontologo.

Presenza di Carie: un primo consiglio è quello di effettuare una visita specialistica odontoiatrica che deve essere per forza eseguita con l’ausilio di radiografie. Le radiografie sono importantissime per individuare la presenza di  carie e di margini protesici aperti che possono costituire abita perfetti dei batteri e determinare pertanto un alito pesante e sgradevole. Le cause soprascritte sono tuttavia responsabili della minoranza dei casi di alitosi di origine odontoiatrica.

Per qualsiasi domanda non esitare a scrivermi a segreteria@simonevaccari.it.

PER APPROFONDIRE

Parodontite

I primi sintomi della Parodontite

Fatti un regalo: chiedi di effettuare il test PSR per accertarti di NON avere la Parodontite. Bastano 15 minuti

CONTATTI E PRENOTAZIONI

[]
1 Step 1
PrivacyHo letto le informazioni sulla privacy

*Campi obbligatori

keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder
Simone Vaccari
Simone Vaccari
simone@simonevaccari.it

Si diploma in Odontotecnica con il massimo dei voti nel 1994, poi presso l’Università Degli Studi di Modena e Reggio Emilia si Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria nel 1999 con la votazione di 110/110 e lode. Negli anni 2000 e 2001 frequenta diversi corsi di aggiornamento negli Stati Uniti e in particolare Los Angeles, California, dove ha la possibilità di appassionarsi e di apprendere le tecniche più moderne e innovative in tema di Estetica Dentale. Nel 2003 fonda a Modena lo Studio Vaccari dove esercita la libera professione dedicandosi prevalentemente alla protesi adesiva ed all'estetica dentale. Relatore a numerosi corsi e congressi in Italia e all’estero, è considerato un punto di riferimento internazionale sul tema delle faccette dentali in ceramica.



WhatsApp chat