Faccette dentali senza limare i denti: quando è possibile e come procedere?

È possibile applicare le faccette dentali senza preparazione? In parole povere, è possibile utilizzare le faccette dentali senza limare i denti? Vedremo insieme di cosa si tratta, quando sia possibile eseguire questo trattamento e gli innumerevoli benefici che comporta.

 

Le faccette dentali sono la Ferrari delle soluzioni!

Sebbene questo argomento sia molto tecnico, vorrei rendertene chiara e semplice la spiegazione, così che tu possa capire quale sia la strategia migliore per applicare le faccette dentali al tuo sorriso e quali indubbi vantaggi sono legati a una tecnica senza preparazione dentale.

Infatti, le faccette dentali senza preparazione rappresentano la Ferrari delle soluzioni! Ti sembrerà esagerato, ma non lo è: parliamo del trattamento migliore in assoluto che tutti gli esperti di estetica dentale dovrebbero consigliare ai propri pazienti, e scopriamo subito perché.

Come lascia intuire il nome stesso, utilizzare le faccette dentali senza preparazione significa applicare le faccette sopra un elemento dentale naturale senza che questo sia minimamente toccato dalla fresa, quindi senza alcun tipo di preparazione.

Sorge spontaneo chiedersi come mai questa tecnica sia così rara e non sia invece un trattamento di routine, sebbene sia la migliore soluzione. Ciò è dovuto al fatto che l’elemento dentale ha dei sottosquadri, perciò, per consentire l’alloggiamento della faccetta, il dente dev’essere spesso limato. Ma vediamo i vantaggi del trattamento con le faccette senza previa limatura.

 

Trattamento con faccette dentali senza limare i denti: ecco i vantaggi

I vantaggi delle faccette senza limatura sono parecchi:

La superficie di applicazione è lo smalto: maggior tenuta e resistenza

La mancata preparazione del dente fa sì che la superficie di applicazione della faccetta sia lo smalto dentale. Infatti, devi sapere che le performance di adesione degli adesivi smalto-dentinali presenti oggi in commercio sono massime a livello dello smalto.

Quindi, quando si cementa la faccetta sullo smalto, le performance di durata sono nettamente superiori alle performance delle faccette cementate sulla dentina. Perciò, una volta assicurate le faccette allo smalto, possiamo confermare che questo processo sia irreversibile.

Ciò ne allunga la durabilità nel tempo ed elimina l’effetto collaterale più spiacevole, cioè il distacco delle faccette.

Si può risparmiare tessuto biologico sano

Un altro vantaggio: evitare di limare il dente rende possibile risparmiare tessuto biologico, aspetto molto importante per noi odontoiatri: infatti, evitare di asportare materiale dentale sano per poi aggiungere una faccetta con ceramica è gratificante e soddisfacente sia per il medico sia per il paziente.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

 

Quali sono i vantaggi di un team professionale preparato, abile e competente?

Vorrei soffermarmi su quanto sia importante e opportuno rivolgersi a uno studio dentistico serio e composto da professionisti estremamente preparati.

 

L’abilità dell’odontotecnico consente di maneggiare faccette sottilissime!

Altro aspetto importante: quando si esegue un trattamento con faccette senza preparazione dentale, lo spessore delle ceramiche è davvero minimale (0,2-0,3 decimi, sempre inferiore a 0,5, praticamente una lente a contatto).

Un odontotecnico che debba realizzare un manufatto di questo tipo sarà messo seriamente a dura prova, e non tutti sono in grado di realizzare trattamenti di questo tipo.

Solo professionisti preparati, abili e abituati a lavorare con queste tecniche riusciranno nella realizzazione. In Italia e nel mondo sono pochi gli odontotecnici così esperti!

 

Minor spessore, manovra più delicata: bisogna essere davvero esperti

Vediamo un altro aspetto ancora. Durante la cementazione, le faccette sono molto resistenti e difficilmente si romperanno, anche se maneggiarle è una faccenda molto delicata e complessa, e il dentista stesso è messo a dura prova.

Infatti, un maggior spessore rende la manovra più semplice. Invece, tanto più sono sottili, le faccette sono delicate da maneggiare nella fase di pre-cementazione, e sarà maggior premura dell’odontoiatra evitare di danneggiarle, vanificando il proprio lavoro e quello del suo team.

Va da sé che anche l’odontoiatra dovrà essere molto esperto e avere alle spalle una solida esperienza con questo genere di trattamento per poter avere la certezza di gestire in serenità situazioni di questo tipo.

Cosa voglio comunicarti con questo discorso? Utilizzo un paragone: probabilmente, gli atleti in grado di correre i 100 metri in 10 secondi sono diverse migliaia, forse 10.000 al mondo; sotto i 10 secondi si riducono invece a poche centinaia. In quei pochi millisecondi sono esclusi migliaia di atleti.

È proprio quello che accade anche in campo dentale: maneggiare faccette di grandi dimensioni a fronte di una limatura importante rende questo trattamento alla portata di tutti.

Perciò, la preparazione degli elementi dentali facilita il lavoro dell’odontotecnico e dell’odontoiatra. Invece, manovrare spessori molto sottili senza preparazione richiede personale altamente specializzato, difficile da trovare agevolmente.

 

Faccette sottili su denti scuri: è possibile, soprattutto se il team è altamente competente

Un altro aspetto ancora riguarda il colore. Di solito, in caso di denti particolarmente scuri, si ha bisogno di spessore e spazio: limare i denti consente di avere maggior spessore e di nascondere il colore dei denti sottostanti, con un cambiamento cromatico più importante.

Tuttavia, anche in questo caso, l’abilità del team di maneggiare faccette dentali sottili consentirà di ottenere risultati egregi senza necessità di limare.

 

La mia esperienza personale con la tecnica delle faccette senza preparazione dentale

Ancora una volta, è sempre questione dell’abilità degli operatori. Personalmente, la non preparazione mi ha sempre attratto, perciò ho trascorso gli ultimi vent’anni a studiare ed elaborare tecniche assieme al mio odontotecnico e a ideare soluzioni che ci consentissero di evitare la limatura.

È subentrato anche un discorso di soddisfazione personale: mi sarebbe piaciuto essere tra quei pochi in grado di realizzare un lavoro di questo tipo.

Oggi posso dirti che la maggior parte dei lavori eseguiti presso il nostro studio è ottenuta attraverso una tecnica di non preparazione dentale.

Non solo: anche per i casi in cui si richieda una preparazione, siamo in grado di eseguire preparazioni mini invasive o minimali che ci consentano di trattare la restante parte dei casi. Ma vediamo insieme di cosa si tratta esattamente e come sia possibile effettuare questo tipo di trattamento.

esempio risultato ottenuto con le faccette dentali

Un esempio di risultato conseguito presso il nostro studio a Modena

Preparazione dentale mini invasiva: perché è utile?

Per “preparazione mini invasiva” si intende una preparazione del dente rimanendo confinati nella compagine dello smalto. Non amo parlare di “preparazione dentale”, perché mi ricorda qualcosa di troppo invasivo e demolitivo del dente.

Preferisco invece utilizzare un termine particolare: ameloplastica, ossia una lieve riduzione plastica dello smalto. Come funziona?

Si riducono solo alcuni punti strategici dello smalto e si eseguono preparazioni limitate a spessori di 0,1 e 0,2, perciò minimamente invasive.

La preparazione mini invasiva ha un altro notevole vantaggio: al termine della preparazione, il paziente stesso non si accorge dove il dente sia stato limato, data la minima invasività delle ameloplastiche, il cui scopo è un migliore alloggiamento delle faccette risparmiando il dente quanto più possibile.

 

La preparazione mini invasiva rende più piacevole l’esperienza del paziente

Queste preparazioni minimali rendono possibile il periodo pre-cementazione in totale serenità. Quando invece i denti vengono limati eccessivamente, anche l’estetica dentale è compromessa, perciò sarà più complicato, per il paziente, gestire la fase che lo separa dalla cementazione definitiva.

A volte, dopo la preparazione, i pazienti apprezzano maggiormente il loro sorriso: infatti, una preparazione mini invasiva consente di apportare lievi modifiche all’estetica del sorriso, come ad esempio arrotondare spigoli vivi degli elementi dentali o alcune piccole fratture. Alleggerendo e rendendo sinuosa l’anatomia di questi denti, l’esperienza risulta più piacevole e confortevole per il paziente.

Le preparazioni minimali o ameloplasiche sono di fatto davvero minimamente invasive e si traducono in una migliore adesione delle faccette, cioè una riduzione notevole del rischio di distacco delle faccette e in una maggiore durata del restauro finale.

 

Cosa succede quando i denti vengono limati in modo indiscriminato?

Purtroppo, nel tentativo di preparare i denti, vengono scoperte una o più aree di dentina, a volte addirittura ampie aree dentinali. Questo è un grosso problema: oltre ad accorciare la durata del lavoro e ad aumentare il rischio di distacco, aumenta la sensibilità dentale.

Molti pazienti che hanno eseguito questo trattamento altrove, si rivolgono a noi lamentando una fastidiosa sensibilità termica durante la masticazione, a seguito di un trattamento con faccette dentali. Sono proprio questi i casi di limatura eccessiva del dente: l’esposizione dentinale sottostante ne aumenta notevolmente la sensibilità.

Purtroppo, l’aumento della sensibilità può addirittura limitare l’alimentazione del paziente, per via del fastidio doloroso intenso: in questi casi potrebbe essere necessario ricorrere alla devitalizzazione del dente con una serie di conseguenze da non sottovalutare.

È bene perciò concludere dicendo che la non preparazione dei denti rappresenta di certo la prima scelta per medico e paziente; quando ciò non è possibile, devono comunque essere effettuate delle limature controllate e modeste.

 

Faccette dentali su denti non allineati: è necessario un pre-trattamento

Esistono casi di denti non allineati in cui dobbiamo effettuare un trattamento con faccette dentali. Per esempio, in caso di denti storti o non correttamente posizionati la limatura dev’essere abbondante: infatti, il dente ruotato o vestibolarizzato deve subire una limatura maggiore di un dente correttamente allineato.

In questi casi è bene effettuare un pre-trattamento ortodontico che ha lo scopo di migliorare la posizione di quel dente o di quel gruppo di denti, che potranno poi essere preparati molto meno o addirittura non preparati.

Il pre-trattamento ortodontico, magari svolto con allineatori trasparenti, rappresenta spesso una buona chance per ridurre la preparazione dentale o addirittura eliminarla completamente.

L’altra buona notizia che ti do è che questo pretrattamento non è quello eseguito in caso di mal occlusione su pazienti adolescenti, che dura anche 2 o 3 anni, è molto rapido e solitamente sortisce l’effetto desiderato nell’arco di 3 -6 mesi, migliorando notevolmente la posizione dei denti ed eliminando o riducendo la preparazione dello stesso.

Il pre trattamento viene effettuato con ortodonzia estetica (ortodonzia linguale o allineatori trasparenti come abbiamo visto) che dà la possibilità di ottenere enormi vantaggi senza l’uso di apparecchiature antiestetiche che comporterebbero grande imbarazzo nella vita sociale e di relazione.

Info e prenotazioni

Compila il form, oppure chiamaci al numero +39 059 2929631

    I campi contrassegnati da asterisco (*) sono obbligatori.

    SPECIFICARE IL TIPO DI VISITA *

    MESSAGGIO

    I campi contrassegnati da asterisco (*) sono obbligatori.

    Simone Vaccari

    Simone Vaccari

    Si diploma in Odontotecnica con il massimo dei voti nel 1994, poi presso l’Università Degli Studi di Modena e Reggio Emilia si Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria nel 1999 con la votazione di 110/110 e lode. Negli anni 2000 e 2001 frequenta diversi corsi di aggiornamento negli Stati Uniti e in particolare Los Angeles, California, dove ha la possibilità di appassionarsi e di apprendere le tecniche più moderne e innovative in tema di Estetica Dentale. Nel 2003 fonda a Modena lo Studio Vaccari dove esercita la libera professione dedicandosi prevalentemente alla protesi adesiva ed all'estetica dentale. Relatore a numerosi corsi e congressi in Italia e all’estero, è considerato un punto di riferimento internazionale sul tema delle faccette dentali in ceramica.

    Lascia un commento