APPARECCHIO LINGUALE INVISIBILE

Le risposte dei nostri specialisti alle domande più frequenti sull’ortodonzia linguale

Quali sono le principali ragioni per cui è opportuno raccomandare l’apparecchio linguale? Quando e chi può usarlo? Quali alimenti sono da evitare? E che costi comporta?

specialisti in ortodonzia

Sono tantissime le domande che ogni giorno i nostri pazienti ci pongono durante la loro prima visita, sia per chi desidera informarsi su come risolvere specifiche patologie, ma anche per chi semplicemente vuole scoprire nuove tecniche per perfezionare il proprio sorriso.

L’apparecchio linguale invisibile sta riscontrando un enorme successo tra pazienti giovani e adulti, essendo l’unico trattamento ortodontico veramente invisibile, capace di soddisfare i pazienti che vogliono allineare i propri denti senza l’utilizzo di uno strumento che risulti evidente dall’esterno.

Volevo quindi cogliere questa possibilità rispondendo alle domande più frequenti con i nostri specialisti in ortodonzia: la Dottoressa Floriana Pintucci e il Dottor Enrico Albertini.

Che cosa è l’ortodonzia linguale e quando nasce?

L’ortodonzia linguale è una tecnica ortodontica invisibile in cui i brackets vengono applicati sulla superficie linguale (interna) dei denti e non sulla vestibolare, come risulta necessario invece con la tecnica convenzionale.

L’ortodonzia linguale nasce negli anni ’40 ma si sviluppa come tecnica negli anni ’70 per motivi estetici. Il primo che cominciò ad occuparsi di ortodonzia linguale fu Craven Kurz che iniziò ad applicare gli attacchi usati per l’ortodonzia tradizionale sul lato linguale dei denti.

Nel 1979 venne pubblicato da Fujita il primo articolo scientifico che segna l’inizio della terapia linguale, “New orthodontic treatment with lingual bracket mushroom arch wire appliance”.

Da questo momento in poi la tecnica linguale ha iniziato a subire un importante sviluppo per rendere l’apparecchio linguale sempre più confortevole e sofisticato.

La richiesta del trattamento ortodontico linguale è aumentato negli ultimi anni, in particolare tra giovani adulti e adulti, per ragioni estetiche (Sandham 1984).

L’apparecchio linguale è efficace? E’ discreto?

L’apparecchio linguale è un apparecchio fisso e pertanto rappresenta una soluzione altamente efficace per la risoluzione delle malocclusioni.

Inoltre, l’ortodonzia linguale è considerata l’unica tecnica ortodontica veramente invisibile:, un’alternativa estetica al trattamento convenzionale vestibolare, capace di soddisfare i pazienti che vogliono allineare i propri denti senza l’applicazione di un apparecchio che si veda. 

Quando si mette l’apparecchio linguale?

L’apparecchio linguale si mette per risolvere le malocclusioni dei pazienti che presentano una importante necessità estetica. 

L’ortodonzia linguale permette di applicare i brackets, ossia le placchette metalliche che solitamente vengono posizionate sui denti, e i fili che costituiscono l’apparecchio sul lato interno (il lato linguale, appunto) dei denti. In questo modo lo spostamento dei denti avviene in maniera assolutamente invisibile. 

L’apparecchio linguale invisibile permette il trattamento di tutti i tipi di malocclusione, dalle più semplici alle più complesse. Permette anche il trattamento dei casi ortodontico-chirurgici.

Non tutti i pazienti sono però buoni candidati per l’ortodonzia linguale. E’ imprescindibile infatti mantenere un’ottima igiene durante il trattamento linguale al fine di mantenere la salute dei tessuti parodontali.

L’apparecchio dentale ha scopo unicamente estetico?

Assolutamente no. L’apparecchio dentale interno oltre a rendere più estetico il sorriso ha lo scopo di migliore la salute orale e la masticazione.

I denti infatti intervengono nella masticazione, nella deglutizione, nella fonazione, nella postura e nella socializzazione con il sorriso. Avere un buon allineamento dentale rende più facile la pulizia e preserva i denti dalla carie.

L’ortodonzia linguale è dolorosa?

Durante le prime fasi del trattamento l’apparecchio linguale può risultare più scomodo rispetto ad altre apparecchiature a causa della vicinanza fra lingua e brackets. 

Ortodonzia linguale: quali sono i vantaggi?

Tra i vantaggi dell’apparecchio linguale vi è sicuramente l’estetica: l’apparecchio linguale è lunico apparecchio veramente invisibile in quanto la superficie vestibolare (o esterna) del dente è libera da qualsiasi materiale.

Un altro vantaggio dell’apparecchio linguale è che, essendo un apparecchio fisso e pertanto non rimovibile dal paziente, non necessita della  completa collaborazione del paziente per la risoluzione delle malocclusioni.

Inoltre, con l’ortodonzia linguale i brackets vengono applicati sulla superficie interna dei denti. Pertanto la superficie vestibolare (esterna e visibile) del dente resta libera da attacchi e colle che potrebbero rovinare lo smalto creando fastidiose macchie bianche poco estetiche e aumentando il rischio di insorgenza di carie.

Quali gli svantaggi dell’ortodonzia linguale?

Tra gli svantaggi dell’ortodonzia linguale vi è la maggiore difficoltà nel praticare una corretta routine di igiene dentale per la posizione interna dell’apparecchio che lo rende meno visibile.

Inoltre, la presenza dei bracket sulla superficie interna dei denti può favorire, nelle prime settimane, la formazione di piccole afte. Dopo l’applicazione dell’apparecchio verranno fornite dettagliate informazioni e materiali da applicare sull’apparecchio per gestire tutte le possibili situazioni ritenute “incomode”.

Apparecchio linguale o Invisalign?

La scelta della tipologia di apparecchio da utilizzare dipende dalla diagnosi e dalle necessità del paziente. Pertanto di fondamentale importanza è lo studio accurato della documentazione del paziente che permetterà al medico di orientarlo verso la scelta di trattamento più adeguata. 

Apparecchio linguale prima e dopo
apparecchio linguale invisibile
Hai bisogno di maggiori informazioni?

Apparecchio linguale: quali costi nel 2020?

Il costo del trattamento dipende da diverse variabili e verrà discusso con il paziente dopo aver spiegato nei dettagli la diagnosi e il piano di trattamento. Rispetto ad altri trattamenti l’apparecchio linguale può avere costi più elevati a causa della alta tecnologia che lo caratterizza e che permette l’assoluta estetica della tecnica.

L’apparecchio linguale comporta problemi fonetici?

Eventuali problemi fonetici sono transitori e si possono verificare nelle prime 2-3 settimane di trattamento. Durante i primi giorni il contatto della lingua con l’apparecchio può creare qualche difficoltà nella pronuncia dei suoni “s” e “sc”.

Tuttavia gli attacchi di ultima generazione, presentando dimensioni molto contenute che favoriscono un adattamento da parte del paziente pressoché immediato.  

Cosa mangiare con l’apparecchio linguale?

Il trattamento ortodontico non richiede una variazione nella alimentazione. L’importante è mantenere sempre l’apparecchio pulito dopo i pasti per mantenere una buona salute orale.

Apparecchio linguale invisibile
Apparecchio linguale funziona

Conclusioni

Spero in questo articolo di aver risposto ad ogni dubbio, altrimenti non esitare a scrivermi a simone@simonevaccari.it, sarò lieto di rispondere alle tue domande.

Info e prenotazioni

Compila il form, oppure chiamaci al numero +39 059 2929631

    I campi contrassegnati da asterisco (*) sono obbligatori.

    SPECIFICARE IL TIPO DI VISITA *

    MESSAGGIO

    I campi contrassegnati da asterisco (*) sono obbligatori.

    Simone Vaccari

    Simone Vaccari

    Si diploma in Odontotecnica con il massimo dei voti nel 1994, poi presso l’Università Degli Studi di Modena e Reggio Emilia si Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria nel 1999 con la votazione di 110/110 e lode. Negli anni 2000 e 2001 frequenta diversi corsi di aggiornamento negli Stati Uniti e in particolare Los Angeles, California, dove ha la possibilità di appassionarsi e di apprendere le tecniche più moderne e innovative in tema di Estetica Dentale. Nel 2003 fonda a Modena lo Studio Vaccari dove esercita la libera professione dedicandosi prevalentemente alla protesi adesiva ed all'estetica dentale. Relatore a numerosi corsi e congressi in Italia e all’estero, è considerato un punto di riferimento internazionale sul tema delle faccette dentali in ceramica.

    Lascia un commento