Lo Sbiancamento Dentale fa male? Rovina lo smalto? Crea sensibilità ai denti?

Vent’anni di esperienza sul campo messi a tua disposizione per rispondere in modo scientifico alle tre domande da sempre più fraintese sullo Sbiancamento Dentale.

Questa mattina è venuto a trovarci Omar, un nuovo amico interessato allo Sbiancamento Dentale.
Non appena si è seduto sulla poltrona mi hai fatto indirettamente le seguenti domande…
“Dottore, il mio vecchio dentista mi ha sempre scoraggiato sul fare lo Sbiancamento. Sostiene che faccia male ai denti.
Quando devo prendere una decisione cerco sempre di sentire più pareri…
Così ho chiesto a un mio caro amico che ha fatto di recente questo trattamento.
Mi ha detto che ha avuto un aumento della sensibilità dentale.
Documentandomi su Internet ho anche letto che può rovinare lo smalto.”
Queste tre affermazioni sono all’ordine del giorno, vengono ripetute continuamente.
L’ennesimo sfogo di Omar è stato come quella gocciolina che ha fatto traboccare il vaso.
Penso sia necessario fare chiarezza in merito. Da qui nasce l’articolo che stai leggendo.
Sono sicuro che anche tu potrai trovare una risposta definitiva a questi enigmi.

Per prima cosa dobbiamo capire cos’è lo Sbiancamento Dentale, quali esigenze mira a risolvere e come funziona.

Cos’è lo Sbiancamento Dentale

Lo Sbiancamento è quel trattamento di cosmetica dentale che ti permette di ottenere un sorriso più brillante e luminoso.
È uno dei sevizi più richiesti dai miei pazienti, perché consente di modificare il colore dei denti naturali rendendoli più bianchi.
Con il tempo il colore dei nostri denti tende ad ingiallirsi e può essere penalizzato dalla presenza di macchie superficiali o profonde.
Le ripercussioni negative sull’estetica del nostro sorriso sono evidenti.
Molti dei miei pazienti mi hanno confessato che non riuscivano più a ridere spontaneamente e si sentivano a disagio anche solamente a parlare.
Il timore che gli altri si focalizzino proprio sul colore spento dei tuoi denti può impedirti di vivere con serenità molte situazioni, a partire dai semplici momenti della quotidianità.
Se ti starai chiedendo:

“Ma funziona davvero?” 

Posso darti una bella notizia: sì, funziona praticamente sempre, anche se devo specificare che la risposta è sempre soggettiva.
Si possono infatti distinguere due tipologie di soggetti:

  • Quelli che reagiscono molto bene al trattamento ottenendo risultati miracolosi praticamente subito.
  • Quelli che sono meno sensibili alle molecole e ottengono dei livelli di sbiancamento meno evidenti.

Se posso tranquillizzarti, ti assicuro che alla fine del trattamento i risultati saranno sempre sopra alle tue aspettative in entrambi i casi.

Quali esigenze mira a colmare?

È inutile negarlo: il sorriso è ritenuto dalla gran parte delle persone “il primo biglietto da visita”.
Può sembrare una frase fatta, ma ti invito a pensare alla prima impressione che ti fai di una persona.
Quando ci presentiamo ad uno sconosciuto solitamente “ci stringiamo la mando”.
È così che funziona nella nostra società, è una forma di cortesia!
Ora pensa ad una persona che si presenta in modo freddo e distaccato e ad un’altra che invece accompagna il gesto ad un sorriso sfavillante.
Sono sicuro che avrai un’impressione più positiva nel secondo caso  rispetto al primo.
Anche se non pensi che questo possa influenzare la tua opinione lascia che ti spieghi cosa dice la scienza.
Forse non sai che il grande scienziato russo Alfred L. Yarbus tra il 1950-1960 ha studiato i movimenti oculari.

Dalla sua ricerca è emerso che lo sguardo delle persone tende a “saltare” avanti e indietro tra le stesse parti di una scena.

In pratica quando guardiamo un oggetto tendiamo a fare delle “fissazioni” (pause di interesse) su quelle parti che presentano maggior contenuto informativo.

Quando guardiamo un volto umano i punti di maggior interesse che catturano l’attenzione del nostro sguardo sono proprio gli occhi e la bocca

Puoi non esserne consapevole, ma il tuo sguardo finisce proprio lì.
Non è tutto: l’armonia del sorriso è in grado di influenzare il livello di simpatia che trasmetti agli altri.
Ti ricordi a scuola quale era la preferita della maestra?
Quella bella, sorridente, educata….
Che tu ci creda o no la psicologia ha dimostrato che il nostro cervello tende ad associare tra loro i concetti di “bravo, bello e buono”.
Capisci da solo l’importanza che ha l’estetica del sorriso sull’opinione che gli altri si fanno di te.
Per qualcuno avere denti bianchi, brillanti e luminosi può essere solo un vezzo estetico e trascurabile.
Per altri invece è qualcosa di estremamente importante, specialmente quando ci si presenta per la prima volta.
Se sei arrivato fino a questo punto dell’articolo sono sicuro che tu sia una persona curata, precisa e attenta all’estetica del tuo sorriso.
Ti invito quindi a continuare la lettura per scoprire quello che potrai ottenere dal trattamento.

Cosa puoi ottenere dallo Sbiancamento

Lo Sbiancamento Dentale fa per te se sei una persona ambiziosa e desiderosa di migliorare se stessa.
Cosa ti consente di ottenere il trattamento?
Migliorerai la qualità della tua vita: non ti vergognerai più di mostrare il tuo sorriso
Sarai visto dagli altri in maniera diversa: il tuo sorriso luminoso trasmetterà benessere e positività a chiunque ti incontri
Ritroverai più sicurezza in te stesso: crescerà il tuo livello di autostima e nessun ostacolo ti sembrerà insuperabile

Riscoprirai il piacere di stare in mezzo alla gente: non cercherai più di nascondere il tuo sorriso nei momenti felici della tua vita
Molti dei miei pazienti che hanno eseguito il trattamento mi hanno svelto di aver rivoluzionato la propria vita.
C’è chi ha trovato un lavoro come Valentina.
La sua ambizione al successo è cresciuta talmente tanto che è stata scelta come testimonial di un noto collutorio tedesco!
Rita e Claudia hanno superato la paura dei fotografi e si sono finalmente sposate.
Ti lascio immaginare il disagio che provano nel mostrare il loro sorriso in pubblico..
O ancora c’è chi come Matteo è finalmente riuscito a chiedere a Elisa di uscire… adesso aspettano un bambino.
Tutto questo grazie alla sicurezza che hanno ottenuto cambiando il proprio sorriso.
Sono riusciti a superare quelle proprie paure che prima sembravano invalicabili ed ostacolavano la realizzazione dei loro sogni più grandi.

Come funziona lo Sbiancamento Dentale

Lo Sbiancamento dentale può avvenire grazie a  due molecole chimiche: Perossido di idrogeno e Perossido carbamide.
Queste due sostanze quando entrano in contatto con lo smalto liberano dei radicali di ossigeno che penetrano nelle incrinature più superficiali.
Con gli anni infatti si formano delle crepe invisibili sulle pareti dei denti al cui interno si fermano i pigmenti dell’alimentazione dei cibi e delle bevande.
Abitudini viziate come il fumo possono peggiorare la situazione.
Immagina di avere uno specchio con tante piccole crepe… al suo interno tende ad accumularsi la polvere.
Anche se lo specchio viene pulito lo sporco rimasto “incastrato” non viene rimosso.
È proprio dentro a queste incrinature che lo Sbiancamento va ad agire, conferendo al dente un aspetto più bianco.
Non pensare che lo Sbiancamento si fermi qui…fa molto di più!
Il trattamento infatti non agisce solo sulla parte superficiale del dente: raggiunge la dentina e ne cambia permanentemente il colore.
Capisco che tu non sia un esperto, quindi cercherò di semplificarti il concetto.
Il dente è formato da tre strati:
Polpa: la parte interna
Dentina: lo strato intermedio
Smalto: la parte esterna, rigida e trasparente
Ora se la lo smalto è trasparente, va da se che più la dentina è bianca, più il dente apparirà chiaro.
Adesso che hai compreso cos’è lo Sbiancamento e come funziona sei pronto per scoprire le risposte alle misteriose tre domande.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Lo Sbiancamento Dentale fa male?

Mi sento di aprire questo argomento con una precisazione: non esiste niente che faccia sempre bene o sempre male.
Ti faccio subito un esempio: l’acqua.
Il nostro organismo è composto dal 60% d’acqua.
I medici, nutrizionisti e dietologi di tutto il mondo ne consigliano una dose giornaliera di almeno 2L.
Se non beviamo il nostro corpo ne risente negativamente, ma allo stesso modo anche bere tutti i giorni 10L d’acqua porterebbe il corpo in sofferenza.
In entrambi i casi estremi o per difetto o per eccesso si può morire!
Cosa voglio dirti con questo?
Che la stessa sostanza può fare bene o male a seconda delle quantità assunte e alle modalità di utilizzo.
Lo stesso vale per lo Sbiancamento.
Non possiamo dare una sentenza a prescindere totalmente positiva o negativa.
Ciò che fa la differenza sono la modalità con cui viene effettuato il trattamento e la qualità dei prodotti utilizzati.

Modalità

Senza ombra di dubbio la miglior tecnica per sbiancare i denti in modo sicuro e duraturo nel tempo è quella domiciliare.
Lo Sbiancamento domiciliare consiste nell’applicazione di Perossido Carbamide a basse concentrazioni per lunghi periodi di tempo.
Il prodotto viene posizionato all’interno di mascherine (ottenute prendendo le impronte dei tuoi denti) da tenere in sede per tutta la notte.
Le applicazioni vanno ripetute per almeno 25-30 giorni.
Si tratta quindi di un sistema che combina basso dosaggio e lunga durata nel tempo.
Così facendo si riducono al minimo tutti gli effetti collaterali spiacevoli legati allo Sbiancamento.
Sono consapevole del fatto che in molti vogliano tutto e subito, ma lascia che ti faccia chiarezza su questo punto.
Uno Sbiancamento Dentale fatto in un unica seduta va a compromettere la salute del tuo smalto, ma non solo.
Dopo pochi giorni l’effetto sbiancante tenderà a sparire e tu ti ritroverai con i denti pigmentati come prima e con 200 euro in meno sul conto in banca.
Ciò accade perché il bianco ottenuto è frutto di una forte disidratazione del dente e non di uno sbiancamento in profondità.
La mia filosofia è “poco per volta, ma bene”.
Solo così potrai ottenere il successo desiderato che sia duraturo nel tempo.
Posso comunque dirti che già dopo 2-3 notti di trattamento noterai il cambiamento.

Qualità dei prodotti utilizzati

Oggi su Internet puoi trovare una miriade di prodotti sbiancanti a basso costo.
Sostengo da sempre di diffidare dal basso costo.
Dietro al basso costo c’è una bassa qualità che può avere ripercussioni irreversibili sul tuo smalto.
Inoltre su questi prodotti non ci sono garanzie o certificazione. Non si conosce nulla nemmeno sui produttori.

Anche se ci fosse una lista delle sostanze contenute nel prodotto un non esperto potrebbe ignorare che alcuni principi chimici sono altamente nocivi per i denti.
Se non vuoi affidarti ad un esperto è sempre bene utilizzare prodotti che abbiano una certificazione e che siano garantiti.
Il mio consiglio è comunque quello di affidarsi ad un professionista che possa scegliere per te i migliori prodotti sul campo.
Quindi “lo Sbiancamento fa male ai denti?”
Se lo sbiancamento è eseguito con questo tipo di trattamento e con prodotti di qualità possiamo affermare con assoluta certezza che NON fa male ai denti.

Lo sbiancamento rovina lo smalto?

Che lo Sbiancamento rovini lo smalto è una credenza popolare da sfatare.
È una convinzione molto diffusa ed è condivisa anche da chi come me è del mestiere.
Probabilmente si tratta di addetti ai lavori che non stanno al passo con i progressi in campo dell’estetica e della salute dentale.

Affermazioni di questo tipo sono totalmente infondate.

Non esistono infatti prove scientifiche che attestino l’azione lesiva dello sbiancamento sullo smalto.
È ovvio che come ho precisato nel punto precedente tutto dipende dalle modalità di trattamento e dalla qualità del prodotto utilizzato.
Ora ti chiedo… secondo te se un prodotto fosse nocivo per i denti io (che sono un dentista) lo farei su me stesso da oltre vent’anni?

Assolutamente no.

Eppure ho fatto il mio primo Sbiancamento Dentale domiciliare nel 1999!
Posso rassicurarti, i miei denti sono in perfetta salute.
Oltre alla mia posso riportarti le testimonianze di centinaia di persone che si sono affidate a me e che continuo a visitare annualmente per i controlli di routine.
Questi pazienti presentano uno smalto sano, analogamente a quello di altri pazienti che non hanno eseguito il trattamento.
Il principio è sempre il medesimo: se si utilizzano una tecnica adeguata ed un prodotto di qualità verrà preservato anche lo smalto.
I trattamenti di ultima generazione uniscono alle molecole chimiche di cui ti ho parlato anche alte concentrazioni di fluoro.
Il fluoro promuove il buono sviluppo dei denti e riduce il rischio di danni allo smalto contrastando l’acidità nel cavo orale.
Grazie alla tecnica di Sbiancamento domiciliare oltre a mantenere in contatto il prodotto sbiancante per tutta la notte hai anche la possibilità di fare impacchi di fluoro in grado di migliorare la qualità del tuo smalto.
Non posso dire che lo sbiancamento domiciliare incrementi la tua salute dentale, ma posso certamente dirti che:

  • È un prodotto sicuro
  • Non rovina lo smalto
  • Perfeziona l’estetica del tuo sorriso

Lo Sbiancamento crea sensibilità?

L’unico effetto collaterale dello Sbiancamento è un aumento della sensibilità dentale al caldo e al freddo.
Perché aumenta la sensibilità?

Come ti ho spiegato precedentemente, il perossido di carbonio entra nelle micro incrinature dello smalto e arriva alla dentina.
La dentina non è dura e resistente come lo smalto, ma è ricca di tuboli dentinali sensibili agli sbalzi termici.
Di conseguenza quando il prodotto entra in contatto con la dentina stimola una maggiore sensibilità.

Forse ti starai chiedendo:
“Sentirò per sempre male ai denti tutte le volte che berrò o mangerò qualcosa di caldo o freddo?”
No, anche qui posso rassicurarti.
La sensibilità dentale causata dallo Sbiancamento è infatti transitoria: una volta finito l’intero trattamento tenderà gradualmente a tornare come prima.
Inoltre va precisato che ogni soggetto reagisce in modo diverso… alcuni sentono più fastidio, altri meno. Il disturbo è comunque controllato e reversibile.
Nella mia esperienza lavorativa non ho mai avuto pazienti che abbiano interrotto il trattamento prima del tempo.
Nel caso in cui la sensibilità per te dovessero eccessiva: ho una bella notizia da darti!
Esistono infatti prodotti che risolvono completamente la sensibilità dentale.
Anche questi vanno applicati nella mascherina e tenuti in contatto con il dente.
Se sei interessato allo Sbiancamento Dentale, ma soffri già di tuo di sensibilità dentale, hai comunque la possibilità di mitigare il fastidio con l’ausilio di questi prodotti.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Conclusione

Lo Sbiancamento Dentale è quel trattamento che permette di modificare il colore dei denti naturali rendendoli più bianchi, brillanti e luminosi.

Il segreto per uno trattamento perfetto è racchiuso in due concetti:

  • Tecnica
  • Prodotto di qualità

Se lo Sbiancamento Dentale viene eseguito con una tecnica corretta e con prodotti di qualità non farà male al dente e non andrà a rovinare lo smalto.

L’unico effetto collaterale che può dare è un incremento della sensibilità che però rimane circoscritto alla durata del trattamento stesso.

Spero di aver soddisfatto le tue domande, ma se hai altri dubbi non esitare a scrivermi a simone@simonevaccari.it. Sarò lieto di risolvere ogni tua perplessità.

Info e prenotazioni

Compila il form, oppure chiamaci al numero +39 059 2929631

    I campi contrassegnati da asterisco (*) sono obbligatori.

    SPECIFICARE IL TIPO DI VISITA *

    MESSAGGIO

    I campi contrassegnati da asterisco (*) sono obbligatori.

    Simone Vaccari

    Simone Vaccari

    Si diploma in Odontotecnica con il massimo dei voti nel 1994, poi presso l’Università Degli Studi di Modena e Reggio Emilia si Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria nel 1999 con la votazione di 110/110 e lode. Negli anni 2000 e 2001 frequenta diversi corsi di aggiornamento negli Stati Uniti e in particolare Los Angeles, California, dove ha la possibilità di appassionarsi e di apprendere le tecniche più moderne e innovative in tema di Estetica Dentale. Nel 2003 fonda a Modena lo Studio Vaccari dove esercita la libera professione dedicandosi prevalentemente alla protesi adesiva ed all'estetica dentale. Relatore a numerosi corsi e congressi in Italia e all’estero, è considerato un punto di riferimento internazionale sul tema delle faccette dentali in ceramica.

    Lascia un commento