E’ quella specialità dell’odontoiatria che si occupa di ripristinare l’integrità funzionale ed estetica della bocca mediante l’utilizzo di “denti artificiali” costruiti in laboratorio che prendono il nome di corone

Le situazioni cliniche che richiedono l’utilizzo di denti artificiali sono fondamentalmente di 4 tipi:

– Quando la perdita di tessuto dentale (smalto e dentina) è così consistente da rendere il dente   troppo debole per essere ricostruito con delle semplici otturazioni.

– Per sostituire uno o più denti mancanti. In tali casi la protesi prende il nome di ponte.

-Quando, in seguito a malattia parodontale severa i denti hanno perso una grande quantità di   supporto osseo. In tali situazioni cliniche l’utilizzo di corone unite tra di loro e/o di ponti   permette di impedire una eccessiva mobilità dei denti e di migliorare l’estetica.

– Quando, sempre in seguito a malattia parodontale severa, i molari hanno perso osso tra le loro radici, ovvero quando si ha una compromissione della forcazione.

Affinché un dente possa essere rivestito da una corona è necessario ridurre prima le sue dimensioni attraverso una operazione di limatura chiamata preparazione.
Il dente, ridotto di dimensioni in seguito alla preparazione, viene chiamato moncone.