La chirurgia stomatologica è quella branca che utilizza le tecniche della chirurgia orale per estrarre i denti non più mantenibili o i denti del giudizio (terzi molari)
malposizionati e/o inclusi (totalmente o parzialmente).

Le ragioni principali che possono rendere opportuna o necessaria l’estrazione dei denti del giudizio possono essere:
– carie profonda e/o in posizione difficilmente accessibile.
– mantenimento igienico insufficiente della zona tra il dente del giudizio e il molare che lo precede.
– interferenza occlusale non facilmente correggibile mediante molaggio selettivo: il dente mal posizionato nell’arcata può “toccare” l’antagonista (cioè un dente nella stessa posizione ma nell’arcata opposta) prima degli altri e creare una disarmonia nell’ingranaggio della bocca.
– dente inclinato e/o ruotato al punto da “impattare” sul secondo molare. Oltre a non poter estrudere normalmente, spesso, appoggiandosi sul dente che lo precede, provoca una demineralizzazione detta carie da decubito.