Di seguito vengono descritte e illustrate le tipologie di terapie fornite dal nostro studio

Servizi dentistici

Chirurgia Orale

La chirurgia stomatologica è quella branca che utilizza le tecniche della chirurgia orale per estrarre i denti non più mantenibili o i denti del giudizio (terzi molari)
malposizionati e/o inclusi (totalmente o parzialmente).
Le ragioni principali che possono rendere opportuna o necessaria l’estrazione dei denti del giudizio possono essere:
- carie profonda e/o in posizione difficilmente accessibile.
- mantenimento igienico insufficiente della zona tra il dente del giudizio e il molare che lo   precede.
- interferenza occlusale non facilmente correggibile mediante molaggio selettivo: il dente mal   posizionato nell’arcata può “toccare” l’antagonista (cioè un dente nella stessa posizione ma   nell’arcata opposta) prima degli altri e creare una disarmonia nell’”ingranaggio” della bocca.
- dente inclinato e/o ruotato al punto da “impattare” sul secondo molare. Oltre a non poter estrudere normalmente, spesso, appoggiandosi sul dente che lo precede, provoca una   demineralizzazione detta carie da decubito.

Protesi fissa

E’quella specialità dell’odontoiatria che si occupa di ripristinare l’integrità funzionale ed estetica della bocca mediante l’utilizzo di “denti artificiali” costruiti in laboratorio che prendono il nome di corone

Le situazioni cliniche che richiedono l’utilizzo di denti artificiali sono fondamentalmente di 4 tipi:
-Quando la perdita di tessuto dentale (smalto e dentina) è così consistente da rendere il dente   troppo debole per essere ricostruito con delle semplici otturazioni.
-Per sostituire uno o più denti mancanti. In tali casi la protesi prende il nome di ponte.

-Quando, in seguito a malattia parodontale severa i denti hanno perso una grande quantità di   supporto osseo. In tali situazioni cliniche l’utilizzo di corone unite tra di loro e/o di ponti   permette di impedire una eccessiva mobilità dei denti e di migliorare l’estetica.
-Quando, sempre in seguito a malattia parodontale severa, i molari hanno perso osso tra le loro   radici, ovvero quando si ha una compromissione della forcazione.
Affinché un dente possa essere rivestito da una corona è necessario ridurre prima le sue dimensioni attraverso una operazione di limatura chiamata preparazione.
Il dente, ridotto di dimensioni in seguito alla preparazione, viene chiamato moncone.

Implantologia

L’implantologia moderna nasce negli anni 60 in Svezia, ma è solo negli anni 80 che ottiene la diffusione e il successo in tutto il mondo.
Uno degli obiettivi terapeutici che è necessario conseguire quando si opera entro la cosiddetta “zona estetica” consiste nel cercare di inserire armonicamente l’implanto-protesi  nel contesto della dentatura residua, in modo che un osservatore, ad una normale distanza interpersonale non riesca a rilevarne l’esistenza.

Tutti sanno che le protesi mobili (dentiere) possono causare molte difficoltà ai pazienti sia a livello  di masticazione che di dizione.
Ci sono persone che percepiscono le protesi mobili come un handicap e per questo riducono i contatti con gli altri, declinando inviti a pranzo e a cena per le limitazioni che possono avere nel mangiare certi cibi o per l’imbarazzo di evidenziare la mobilità della propria protesi.
Negli ultimi anni sempre più persone decidono di risolvere questi problemi scegliendo l’implantologia dentale che consente di ottenere delle riabilitazioni protesiche fisse.

Paradontologia

La parodontite è la malattia che colpisce i tessuti di supporto del dente e si manifesta a livello clinico principalmente con i seguenti segni: sanguinamento, ascessi ricorrenti, alitosi, iper-mobilità dentale.
Le moderne tecniche di cura in questo ambito sono rappresentate da un sempre più accurato sistema di igiene personalizzato a seconda dei casi al fine di ripristinare e mantenere il supporto in condizioni di stabilità (terapia di supporto).
A questo si aggiunge tutta la parte chirurgica che spazia dalla chirurgia resettiva (che mira a eliminare i difetti ossei ripristinando una anatomia corretta e mantenibile  nel tempo) alla chirurgia rigenerativa (che tende a rigenerare il supporto perso);  dalla chirurgia mucogengivale (per ristabilire condizioni anatomiche corrette dei tessuti molli) alla plastica gengivale (per ridare al sorriso le corrette proporzioni armoniche).
Le recessioni gengivali possono rappresentare un grave problema estetico soprattutto quando sono interessati i settori anteriori.
Questi problemi, eventualmente associati all’iper-sensibilità possono essere risolti aumentando chirurgicamente il livello di copertura delle radici.

Radiografia

Il servizio di Radiologia è dotato di apparecchiature moderne e tecnologicamente avanzate e svolge indagini diagnostiche di radiologia tradizionale.
Vengono effettuate le seguenti indagini radiografiche:

- Ortopantomografia
- Teleradiografia antero-posteriore
- Teleradiografia latero-laterale
- Articolazione temporo mandibolare
- Stratigrafia
- Seni paranasali
- Radiografie endorali
I mezzi diagnostici a nostra disposizione sono strettamente correllati alla radiologia.
Essa sfrutta appositi apparecchi, in grado di generare i raggi x (fasci di onde elettromagnetiche).
L’interazione dei raggi x con l’organismo permette di ottenere le immagini radiografiche.
Ogni comparto operativo è dotato di un apposito sistema con un tubo scorrevole in grado di effettuare radiografie endorali in tutti i settori della bocca.
Il centro è inoltre dotato di un’apposita saletta radiografica in cui sono realizzate indagini più complesse che comprendono l’intero massiccio facciale.
Con estremo rigore, a norma di legge, sono eseguite le tecniche di sviluppo e conservazione delle indagini eseguite.
Tutte le attrezzature sono scrupolosamente e periodicamente sottoposte a controlli da parte di un fisico specialista che ne attesta l’efficacia e la sicurezza

Conservativa

Lo scopo dell’odontoiatria conservatrice è il ripristino della funzione e dell’estetica di un elemento dentale danneggiato da carie o traumi.
L’odontoiatria conservativa (restaurativa) deve essere accompagnata da attente misure di profilassi altrimenti non risolve che temporaneamente i proplemi del paziente, infatti le lesioni cariose  torneranno a manifestarsi.
Oggi, abbandonate le tecniche di restauro con oro e amalgama d’argento, si effettuano ricostruzioni con materiali compositi completamente atossici ed estetici, utilizzando sia tecniche dirette che indirette (faccette e intarsi).

Prevenzione, Igiene Orale e Fluoroprofilassi

La prevenzione attraverso una corretta igiene orale è di fondamentale importanza per evitare la formazione della carie e della malattia parodontale a partire dalla semplice infiammazione gengivale.
Il suo scopo principale è l’allontanamento della placca batterica (pellicola aderente ai denti nella quale vi sono svariate specie batteriche), del tartaro (placca calcificata) e dei fattori che ne facilitano l’accumulo (es. restauri debordanti).
L’eliminazione meccanica ambulatoriale di tali fattori è basata su trattamenti specifici ed a essa si associa un preciso sistema di istruzioni nel quale il paziente apprende le sistematiche e gli usi corretti dei diversi sistemi di igiene domiciliare, grazie alla visione diretta attraverso i monitor presenti in ogni unità operativa, collegati con le moderne telecamere intraorali, delle quali ci serviamo.
La fluoroprofilassi consiste nella prevenzione della carie dentaria attravesro l’utilizzo del fluoro: un minerale che favorisce la formazione di uno smalto più resistente all’attacco batterico. Terapia particoralmente indicata nei bambini.

Estetica Dentale

L’estetica dentale è quella branca dell’odontoiatria che si occupa dell’oggettivizzazione dei canoni di “bellezza” applicabili al sorriso del paziente. Recenti studi hanno messo in luce che l’estetica del viso è fortemente condizionata dal sorriso e dall’impatto che esso ha sull’osservatore; pertanto l’estetica dentale migliora non solo le caratteristiche dentali, ma fornisce un maggior livello di benessere psico-fisico e una migliore capacità relazionale. Le procedure cliniche per modificare la forma, dimensione e colore dei denti prevedono spesso l’utilizzo di restauri adesivi in ceramica integrale applicati ai denti naturali con tecniche minimamente invasive; a volte le procedure restaurative sono progettate alla fine di un percorso ricostruttivo di tessuti duri e molli al fine di ottimizzare i risultati e fornire un aspetto naturale.(vedi anche ortodonzia dell’adolescente)